La crudeltà dei lager libici: testimonianza di un sopravvissuto

“In Libia non c’è uomo, non c’è donna, non c’è bambino. Subivamo tutti (anche i bambini) violenze sessuali quotidiane”.
Nella cella vi erano più di 60 persone, costrette a convivere con morti in decomposizione, con i loro escrementi e con il sangue delle violenze, degli omicidi e del ciclo mestruale e dei parti delle donne.
“Appena venivano uccisi i nostri compagni di cella, soprattutto i più giovani, tante volte subito arrivavano 3 o 4 medici che toglievano parti dei loro corpi (occhi, cuore, reni ecc) davanti a noi che guardavamo senza proferire parola. Riponevano subito tutto in un contenitore che assomigliava ad un piccolo frigorifero e poi se ne andavano lasciando lì per giorni con noi i cadaveri a decomporsi; anche in questo caso eravamo noi a spostare i corpi martoriati in un angolo della cella.
“Spesso davano fuoco ai piedi di donne e bambini, lasciandoli morire bruciati davanti ai nostri occhi.”
“Nella nostra cella, diverse volte a settimana venivano introdotti 3 o 4 cani, non grandissimi ma molto aggressivi. Io rimanevo immobile e quasi non respiravo, di solito si avventavano sui bambini, provocando loro ferite molto gravi o uccidendoli”.
“Credo di essere vivo perché sono sempre stato zitto e buono, anche se avevo dolori fortissimi non mi sono mai lamentato; ero terrorizzato”

Continua a leggere …

I lager libici, notte dell’Europa

“Sono stato in una prigione vicino Tripoli per 6 mesi ai lavori forzati. Non dimenticherò mai la morte del mio amico. Era troppo stanco per lavorare. Ha detto alle guardie che non riusciva ad alzarsi. Uno dei libici ha detto ‘Se non vieni ti sparo’. Io pensavo che scherzasse. L’ha pensato anche il mio amico. L’uomo libico l’ha ucciso con un colpo in testa. Poi si è girato verso di me. ‘Tu che fai, lavori o no?’ ” (Testimonianza di M, 27 anni, dal Gambia: 29 settembre 2017, rilasciata all’Hotspot di Pozzallo).
Mentre i paesi europei fanno un ignobile scaricabarile per accogliere i migranti, nei centri libici di detenzione dei migranti vengono inflitte torture, appesi a testa in giù, mentre viene chiamata a telefono la famiglia del torturato perché ascolti le urla. Si spara nei piedi al minimo cenno di ribellione e ne esci solo “se muori di violenza o se hai abbastanza soldi per pagarti la libertà o se sei venduto all’asta come schiavo”, come testimonia un’inchiesta della CNN . La Guardia Costiera Libica – finanziata dall’UE e dall’Italia per limitare le partenze – tratta le persone soccorse a colpi di bastone e minacce e lascia persino cadere uomini in acqua e abbandonandoli.

Continua a leggere …